Le grandi ondate di calore aggravano la patologia dell’occhio secco

Tra le molteplici cause della patologia dell’occhio secco rientra a pieno il drastico cambiamento climatico che coinvolge il globo; le ondate di calore, la siccità ormai quasi perenne e la desertificazione di aree sempre più prossime alle città urbane sono asolo alcuni esempi di tale cambiamento.

La prestigiosa rivista medico scientifica internazionale The Lancet ha sottolineato che è sempre più evidente l’influenza del clima sullo stato di salute della popolazione.

L’OMS nel 2017 ha consegnato un report a tutti gli Stati membri in cui segnalava che la patologia dell’occhio secco è ancora troppo sottovalutata dai servizi nazionali della salute e ha posto recentemente l’attenzione sulle conseguenze del cambiamento meteorologico sulla salute degli occhi.

Sta per cominciare l’estate e in alcune zone d’Italia sembra già iniziata ed è importante sensibilizzare il problema dell’occhio secco.

Da alcuni anni sono molto evidenti gli effetti del surriscaldamento del clima e le statistiche hanno evidenziato che nel periodo estivo è aumentata notevolmente l’incidenza delle patologie oculistiche e un peggioramento di molti sintomi dell’occhio secco.

Il National Institute of Health (Istituto nazionale della salute americano) ha condotto uno studio durato tre anni dal tema “La salute dell’occhio in relazione ai cambiamenti climatici” e il risultato riporta un dato tanto inequivocabile quanto allarmante ossia che con un clima con scarsa umidità ed elevate temperature i sintomi dell’occhio secco aumentano e si aggravano.

Da questo studio gli epidemiologi hanno ricavato un grado di certezza sul fatto che le condizioni causate dal cambiamento climatico non solo sono fortemente associate alla sintomatologia della secchezza oculare ma ne sono la causa certa e determinante e a questa conclusione non si era ancora giunti.

Tutto questo avrà sicuramente un impatto anche nelle strutture ospedaliere e nei centri assistenziali al fine di contrastare l’aumento esponenziale di pazienti affetti da sintomi di occhio secco.

Importante quindi, soprattutto in questo periodo fare prevenzione ed in particolare mantenere sempre ben umettata e lubrificata la superficie oculare e se si usano lenti a contatto è importante durante la giornata toglierle, nettarle prima di rimettersele e utilizzare lacrime artificiali per lubrificare l’occhio.

 

 

 

 

 

Stampa
Non c'è ancora nessun commento
Scrivi un Commento
Name
E-mail
Website